Roma (2018)

Roma (2018)

2018T2h 15min
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Un anno nella vita della domestica di una famiglia della classe media a Città del Messico nei primi anni ’70.

Regia

Sceneggitore

Star

Yalitza Aparicio

Yalitza Aparicio

Marina da Tavira

Sra. Sofia

Diego Cortina

Tono

Carlos Peralta

Paso

Marco Graf

Pepe

Daniela Demesa

Sofi

Nancy Garcia Garcia

Adela

Veronica Garcia

Sra. Teresa

Andy Cortes

Ignacio

Fernando Grediaga

Sr. Antonio

Jorge Antonio

Fermin

Jose Manuel

Ramon

Latin Lover

Profesor Zovek

Zarela Lizbeth

Dra. Velez

Trama

Cleo è una delle due lavoratrici domestiche che aiutano Antonio e Sofía a prendersi cura dei loro quattro figli nella Città del Messico degli anni ’70. Presto sorgono complicazioni quando Antonio scappa improvvisamente con la sua amante e Cleo scopre che è incinta. Quando Sofía decide di portare i bambini in vacanza, invita Cleo a una fuga tanto necessaria per schiarirsi la mente e legare con la famiglia.

Trivia

La lunga scena del parto in ospedale è stata girata solo una volta. I medici e le infermiere erano reali, non attori, assunti per rendere la scena più autentica.

Movie Review

Il titolo si riferisce al quartiere di Città del Messico dove il regista Alfonso Cuaron è cresciuto negli anni ’70. Avrebbe potuto semplicemente essere intitolato “Libo” perché il film è la riflessione del regista sulla donna che lo ha aiutato a crescere – la domestica della sua famiglia. La storia romanzata rinomina la donna Cleo (una bella performance naturale della nuova arrivata Yalitza Aparicio).

ROMA si prende il suo tempo per sviluppare la sua trama. È meno una serie di eventi, quanto l’osservazione di un anno nella vita di Cleo e della famiglia a cui tiene. È stato descritto, in qualche modo in modo errato, come neorealista. Girare in bianco e nero e raccontare una storia che coinvolge i poveri non denota automaticamente il neorealismo. Il film è l’ode di Cuaron alla sua infanzia. È un film di memoria, raccontato dal SUO punto di vista, non di Cleo e del sottoproletariato. Ciò che fa funzionare il film è l’attenzione di Cuaron ai minimi dettagli: il semplice contatto visivo, il cibo, i giochi da bambini e gli escrementi di cane che si lavano sul vialetto. Eventi importanti accadono a Cleo e alla famiglia, ma sono presentati in un modo senza fretta che sembra più vero che nella maggior parte delle sceneggiature inventate.

La già citata fotografia in bianco e nero è dello stesso Cuaron (il suo cameraman abituale, Emmanuel Lubezki, non era disponibile). Il lavoro con la macchina da presa sembra molto “diretto”. A volte, puoi quasi sentire Cuaron che guida la telecamera per catturare esattamente ciò che Cuaron, il regista, ritiene sia fondamentale. L’effetto taglia in entrambi i modi. Da una parte diventa un vero progetto d’autore (scrive anche Cuaron ed è co-editore!). Dall’altro, sottolinea ulteriormente che questa è la storia di CUARON, e non quella di Cleo e degli altri personaggi. In questo modo, Cuaron si pone tra lo spettatore e l’azione sullo schermo.

Si è parlato molto della performance di Aparicio ed è una meraviglia. Gran parte dell’altro cast è anche non professionista (in questo modo ha una connessione con il cinema neorealista) e si esibiscono abilmente. Gli altri crediti tecnici sono solidi, ma la discussione principale è stata sulla fotografia digitale da 65 mm (un soprannome un po’ confuso che alcuni credono sia stato girato su pellicola reale). Il sensore più grande gli conferisce un’immagine più nitida rispetto alle tradizionali fotocamere digitali, ma, visto in un cinema su DCP, manca ancora del livello di nero più ricco e del livello di bianco argentato della vera pellicola da 65 mm. Nonostante tutti i consensi (e i premi) ottenuti dalla cinematografia di Cuaron e ROMA, somigliava ancora a Gray & Grayer più del vero bianco e nero di celluloide.

ROMA è un bel ricordo. Non è un film da sezionare come si farebbe normalmente per la sua trama. È meglio lasciare che ti lavi addosso, proprio come fa spesso il film con l’acqua che scorre e i getti che scivolano sopra.

Produttore

Musiche

Fotografia

Montaggio

Luoghi delle riprese

Distribuzione

Data di uscita

Paese di origine

Lingue

Aziende produttrici

Dettagli Tecnici

Altre pagine da esplorare

Guarda Anche

0
Rated 0 out of 5

Non ci sono ancora recensioni. Sii il primo a scriverne una